Cammino di santa Giulia
HOME

[ Chi siamo ]
[ Il Progetto ]
[ Il Cammino ]
[ Mappe gpx ]
[ Immagini ]
[ Informazioni ]
[ Battistrada ]
[ Contatto ]
[ Video ]
[ Santa Giulia ]

Cammino di santa Giulia 2012

Cammino di Santa Giulia 2012
Versione ciclistica

Quest’anno verranno sperimentate variazioni di percorso rispetto al tracciato dei precedenti anni.
Anche quest’anno il "primo pellegrino" a piedi, l’amico Carlo Picchietti si cimenterà nell’impegnativa prova a piedi, percorrendo il Cammino di Santa Giulia in 15 giorni/tappe, dal 1 settembre al 15 settembre 2012.
Il percorso a piedi è disponibile cliccando qui, con tutti i dettagli e dati gpx per navigatore.
Il tracciato a piedi include tratti sterrati accessibili solo a appassionati di MTB con ottima preparazione atletica.

Per questo motivo il percorso ciclistico è un’alternativa semplificata rispetto al tracciato a piedi.
Il Cammino di Santa Giulia 2012, versione ciclistica, è organizzato in 4 tappe.
Cliccare sui link per i dettagli: tracciato GPX, mappa, altimetria.

Sabato 25 agosto 2012
Livorno - Pisa - Lucca (46,57 km)


Domenica 26 agosto 2012
Lucca - Garfagnana - Sassorosso (59,23 km)


Lunedì 27 agosto 2012
Sassorosso - Monte Santa Giulia - Reggio Emilia (111,84 km)


Martedì 28 agosto 2012
Reggio Emilia - Sabbioneta – Brescia (120,21 km)


Le prime due tappe sono particolarmente brevi perché prevedono fermate turistiche.
A Sassorosso, Villa Collemandina, LU, si svolgerà una serata speciale di festa e cultura con la presentazione del Cammino di Santa Giulia. Il pernottamento è previsto in albergo o ostello.
Un momento particolare è rappresentato anche dalla visita al Parco della Pace, monumento alla Resistenza, Parco di Santa Giulia di Palagano di Monchio.
Qui, sul luogo di una strage nazista, sorge l'antichissima chiesa di Santa Giulia, più volte distrutta dalle guerre ed ancora riedificata, nel segno della pace e della speranza, dopo la seconda guerra mondiale.
Altri luoghi importanti per storia ed arte che si trovano sul percorso:
"Via Bibulca", "Via Imperiale" nel Medioevo: una delle più larghe (adatta al passaggio di carri).
Nell'VIII secolo, Liutprando riportò all'uso l'antica via romana che passava da Passo delle Radici.
Quella che allora era praticamente un'autostrada era molto costosa come pedaggio ma ovviamente i re longobardi la usavano liberamente come proprietà personale.
In età carolingia risulta dnominata "Via Nova" e dunque è possibile che sia servita per la traslazione delle reliqui di Santa Giulia.
Ipotesi suffragata dal toponimo del monte Santa Giulia, che praticamente è su questo percorso.
Resti dell'Abbazzia di San benedetto in Leno (fondazione longobarda della metà del VIII° Secolo)

I partecipanti al percorso aderiscono a titolo personale, pertanto ogni responsabilità per deprecati ed imprevedibili problemi in itinere è personale, dal momento che non si tratta di una gita organizzata, ma di partecipazione individuale di amici che si ritrovano.
Coperture assicurative personali sono al momento allo studio.
La spesa complessiva prevista (treno per Livorno, pernottamenti, alimentazione) è al di sotto dei 200 euro.
È richiesta un allenamento da cicloturista. La bicicletta deve essere perfettamente in ordine.
I bagagli (il minimo dei minimi!) devono stare nelle proprie borse-bici.
Qualche indicazione si può ricavare da questa checklist (clicca qui).
La partenza è in treno più bici da Brescia.
Contatti organizzativi, proposte, adesioni, testimonianze, approfondimenti, materiali multimediali, imprecazioni e risate sul Gruppo FaceBook Cammino di Santa Giulia (clicca qui!)

Cammino di Santa Giulia


 [ Home Page ] -  [ Chi siamo ] -  [ Il Cammino ] -  [ Passio di santa Giulia ] - [ Logo ] -  [ Copyright ] -  [ Contatto ] -  [ Links ] - [ Video ]